Cagliari, tutte le insidie e le opportunità della gara contro il Lecce

I due rovesci della medaglia della trasferta in Puglia

pubblicato il 20/11/2019 in Approfondimenti da Mario Siddi
Condividi su:
Mario Siddi

Sarà in terra salentina che gli uomini di Maran, scenderanno in campo per il tredicesimo turno di campionato. La gara, in programma allo stadio di Via del Mare di Lecce domenica alle (20:45) rappresenta un altro esame stimolante per i rossoblu e per il loro cammino, dove in un clima non facile per gli ospiti, vi saranno alcuni fattori da cogliere ed altri da evitare.

Tra le opportunità

Vincere al Sud - Misurarsi con una neo promossa potrebbe sancire infatti, in caso di successo, la raggiunta maturità dei sardi. Dimostrare di vincere in trasferta infatti, anche contro una squadra di blasone inferiore rispetto a compagini come Napoli, Roma e Atalanta, è una competenza non scontata da raggiungere. Specialmente nei campi caldi del Sud Italia, Dove una  prova di prepotenza agonistica rappresenta sia peso specifico che gran carattere di squadra.

L'alta classifica - La possibilità, arrivassero dei punti, di conservare i piani alti della classifica per consolidare, in maniera attiva, da una parte grande vitalità e autodeterminazione, dall'altra, l'ulteriore dimostrazione a se stessi al mondo di poterci stare con merito.

Tra le insidie

Gli ex di turno - La grande motivazione degli ex calciatori rossoblu (ben sette) ora in forza al Lecce, che sicuramente contro gli isolani non vorranno certo sfigurare. Su tutti il cagliaritano Mancosu e il brasiliano Farias, ma anche i portieri Gabriel e Vigorito, il difensore Rossettini, e gli attaccanti Tachtsidis e Tabanelli. Senza scordare l'allenatore (ex primavera rossoblu) Fabio Liverani.

Voler strafare - Sbagliare l'approccio alla gara cercando il gol fin dalle prime battute e in maniera spasmodica, se si verificasse, sarebbe un bel problema. Essere terzi in classifica e contro una matricola, potrebbe giocare questo brutto scherzo a livello mentale. Al contrario, servirà una prova di ordine e pazienza. Calare gli assi al momento giusto e con cinica con freddezza, farà la differenza.