La perfetta incarnazione del centrocampista moderno

Il nuovo idolo rossoblù possiede caratteristiche che lo rendono un fantastico connubio tra fisico, tecnica e temperamento

pubblicato il 03/10/2019 in Approfondimenti da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2019

Tra Nahitan Nández ed il Cagliari è già sbocciato l’amore. In poco più di un mese l’Uruguaiano è diventato uno dei perni che reggono la squadra di Maran e presumibilmente lo resterà a lungo.

Come potrebbe essere altrimenti visto che in campo ‘El Leon’ ha dimostrato di avere tutto ciò che i tifosi del Cagliari hanno sempre amato: qualità ma anche uno straordinario dinamismo che gli permettono, combinati, di incidere in qualunque momento sia a livello offensivo che difensivo. È un centrocampista moderno in grado di fare tutto: assist e qualche gol (se continua così presto gonfierà la rete anche in Italia) così come giocate spettacolari in fase di interdizione.

Inoltre, grazie al proprio temperamento combattivo, è un vero leader naturale, un trascinatore che lotta su ogni pallone dal primo all’ultimo minuto come dimostrano gli oltre 11 chilometri che macina ogni settimana e i 7 recuperi di media a partita.

Volendo trovare un lato negativo (per il momento), si può dire che lo stile di gioco del ragazzo è ancora decisamente troppo irruento per il metro di giudizio degli arbitri italiani: per questo motivo incasserà diversi cartellini altrimenti evitabili.

Poco male però, nonostante questo piccolo "difetto" ampiamente limabile infatti il jolly della Celeste ha le carte in regola per imporsi anche in Europa dopo aver fatto innamorare l’Argentina di fede xeneize e tanti estimatori in giro per il mondo.