Voluta!

I primi tre punti in casa sono frutto di una prestazione ricercata e calcolata

pubblicato il 22/09/2019 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
2019

Doveva essere una vittoria per spazzare via i dubbi delle prime due partite casalinghe, e così è avvenuto.

Il risultato contro il Genoa non è mai stato in discussione, neanche dopo il pareggio dei liguri, perché il Cagliari ha subito rimesso la gara sui binari giusti. Dal match di venerdì sera emerge una sentenza difficilmente smentibile: questo primo successo in terra sarda non è stato frutto del caso o per un pizzico di fortuna come si dice in alcuni casi, ma più che voluto e cercato.

Il Cagliari ha costretto i liguri a giocare sui ritmi rossoblu, strappando più volte palla ai palleggiatori isolani e aumentando i giri d'intensità quando ne si sentiva la necessità. I tre punti sono arrivati in un modo programmato, alla vecchia maniera ma anche con una manovra diversa. Sulla linea del vecchio stile perché le prime due reti ricordano gli schemi offensivi di quando Pavoletti era ancora in campo, con questa palla tagliata messa dall'esterno all'interno nel cuore dell'area di rigore, facile preda per Simeone e poi per l'autogol di Zapata.

Ma il terzo centro è una novità, e riporta in mente il 3-1 di Parma. Contropiede fulminante con gli isolani che stavolta attaccano per vie centrali, senza sfruttare le corsie esterne ma sfondando in mezzo al campo, chiudendosi prima a riccio e poi rubando palla con uno dei due terminali offensivi (in Emilia era il Cholito, contro il Grifone è toccato a Joao Pedro) per infine segnare.

Una manovra che si è ripetuta, un nuovo modo di proporre calcio, e se ne sente il disperato bisogno ora che il bomber con la 30 è ai box. Ciliegina sulla torta, la rete del numero 10, che porta palla per metà campo e si prende il gol che gli era stato tolto contro il Parma, a testimonianza che questa vittoria è stata frutto della volontà e della perseveranza, e si spera che queste siano le due chiavi che possano aprire ai rossoblu le porte di una stagione da protagonisti.