Cagliari, ecco perché oggi giocheresti così

I probabili undici che potrebbero scendere in campo contro il Chievo

pubblicato il 14/08/2019 in Approfondimenti da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
foto: corrieredellosport

Precampionato terminato, è tempo di iniziare a giocare per davvero. Per il Cagliari la prima uscita ufficiale arriverà in Coppa Italia, domenica 18 agosto, contro il Chievo.

Una partita che la compagine sarda ha ovviamente in programma di vincere per passare il turno e magari provare ad arrivare, considerate le ambizioni del presidente Giulini, alle fasi calde della competizione. Chi saranno gli uomini che Maran sceglierà per battere i gialloblu? Proviamo a stilare una formazione, tenendo conto anche degli infortuni e dello stato di forma o ambientamento dei giocatori.

Partiamo dai pali. Nessun dubbio, a difenderli ci sarà l’espertissimo brasiliano Rafael, degno sostituto dell’uomo Cragno, fermo ai box per un problema alla spalla.

Difesa. Anche qui poche incertezze secondo chi scrive: la linea difensiva (uso il condizionale per sicurezza) dovrebbe essere composta da Cacciatore a destra, Klavan e Ceppitelli al centro e Lykogiannis a sinistra. Questo perché al momento sono i giocatori che danno maggiori garanzie a Maran, avendo più allenamenti nella gambe ed essendo già pronti ad eseguire i meccanismi che chiede l’allenatore. I nuovi dovranno presumibilmente aspettare prima di partire titolari, Mattiello si giocherà le sue carte più avanti, lo stesso vale per Luca Pellegrini che dovrebbe rivestirsi di rossoblù tra qualche giorno.

A centrocampo le scelte sono tante, forse come mai accaduto da tanti anni a questa parte, e ricche di qualità. A partire titolare comunque dovrebbe essere Cigarini al centro, affiancato da Ionita (o Nainggolan, ma forse Maran gli potrebbe riservare la prima di campionato) e Marko Rog. Sulla trequarti Birsa, apparso in ottima forma nel corso della preparazione estiva e “pupillo” del mister trentino. Nández è arrivato da pochi giorni e avrà bisogno di un minimo di adattamento per imparare i rudimenti della lingua e sviluppare il feeling col calcio italiano. Castro invece è acciaccato e rimarrà sicuramente fuori, almeno dall’inizio.

In attacco la coppia Pavoletti-Joao Pedro è più scontata del sole che sorge al mattino. In attesa (se ci saranno) di sussulti dal mercato, sono loro le punte titolari di Rolando Maran, quelle che gli garantiscono gol e prestazioni. E poi diciamocelo, per sconfiggere il Chievo bastano e avanzano, anzi sono un vero e proprio lusso.