Cagliari, cosa ti darà Nández

Il centrocampista uruguaiano possiede le caratteristiche tecnico-fisiche adatte a sostituire adeguatamente Nicolò Barella

pubblicato il 21/08/2019 in Approfondimenti da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu

Nahitan Nández sarà presto (salvo clamorosi colpi di scena) un nuovo centrocampista del Cagliari Calcio. Dopo Rog e Nainggolan ecco che il Patron Giulini, insieme al suo fidatissimo DS Marcello Carli, calano il terzo asso della propria mano per mettere a disposizione di Rolando Maran quello che sembrerebbe, viste le caratteristiche, il perfetto sostituto di Nicolò Barella, volato alla volta di Milano sponda nerazzurra.

Se il croato ex Napoli verrà utilizzato prevalentemente nelle vesti di centrale, Nández agirà presumibilmente come mezzala destra in una zona di campo dove potrà far valere quelli che sono i suoi punti forti: grande corsa, determinazione e propensione al sacrificio in fase di interdizione, ottima visione di gioco e capacità di sfruttare gli inserimenti in fase offensiva. Tutto questo gli ha permesso di collezionare, nella sua breve carriera professionistica, 14 gol e 17 assist nonostante la posizione di campo non certo avanzata.

Classe 1995 (23 anni), in possesso della doppia nazionalità uruguaiana-italiana, 1,71 m per 70 kg, il giovane centrocampista eccelle pertanto nella gestione e nella protezione del pallone, abbinando ad esse anche dei buoni fondamentali che gli permettono di disimpegnarsi a dovere in diverse situazioni di gioco, siano esse ripartenze veloci o operazioni di manovra maggiormente ragionate. Di contro, per ovvie ragioni fisiche, i duelli aerei non sono e saranno mai il suo pezzo forte, per questo Nández preferisce essere affiancato da un calciatore a cui poter delegare totalmente tale incomodo. Come faceva lo stesso Barella tra l’altro.

Sarà amore a prima vista tra Nahitan ed il Cagliari? Considerati gli importanti precedenti con quel tipo di calciatore noi pensiamo di sì, però poi come sempre spetterà al campo giudicare e riservarsi l’ultima parola in merito.