La Cattedra è del Professore

Luca Cigarini si è preso il posto che gli spetta sul palcoscenico e ora non ha alcuna intenzione di cederlo a nessuno

pubblicato il 27/03/2019 in Approfondimenti da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu

Cigarini si è preso il Cagliari. Il tanto ricercato feeling con Maran è finalmente sbocciato è il centrocampista ex Atalanta è diventato nelle ultime settimane uno dei cardini della squadra isolana.

Le prestazioni di alto livello offerte contro Inter e Fiorentina (ma anche Parma) rappresentano l’apice del rendimento stagionale toccato dal regista e fanno ben sperare per un finale in crescendo. Non ce ne voglia Bradaric, il quale avrà tempo e modo di recuperare la forma intravista a inizio campionato (non si è mai fermato dopo il mondiale e adesso paga dazio), ma fino ad allora sarà difficile strappare lo scettro di titolare al numero otto.

Le sue doti di leadership, combinate all’ottima tecnica, corsa, visione di gioco e lucidità ne fanno un giocatore completo, oltre che esperto, in grado di far cambiare marcia alla mediana rossoblù. Per di più le capacità di giocare indifferentemente corto o lungo e di calciare da fermo lo rendono un regista più efficace in fase offensiva rispetto a Bradaric, che invece fa del dinamismo il proprio punto forte, e in un'annata in cui il Cagliari fatica a far gol è un fatto che non si può ignorare.

Ora che sul campo, grazie anche a Cigarini, la squadra ha ritrovato spensieratezza e voglia di stupire, si spera che lo stesso giocatore possa rinnovare al più presto il proprio contratto (in scadenza a giugno 2019) e rimanere in Sardegna a deliziare la platea con giocate e gol d'alta scuola (non necessariamente da centrocampo) per qualche tempo ancora.