Sau, Farias e l'attesa per la possibile nuova seconda punta

I due attaccanti sono chiamati a riscattarsi per scongiurare potenziali movimenti durante il mercato di gennaio

pubblicato il 14/10/2018 in Approfondimenti da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2018

“Una poltrona per due” è un vecchio film del 1983 diretto da John Landis e diventato negli anni un vero cult pop. E' utile citarlo perché il titolo della pellicola è perfettamente adattabile alla situazione creatasi nell’ambiente Cagliari attorno a Marco Sau e Diego Farias.

I "piccoletti", nonostante Maran abbia riposto in loro grande fiducia, stanno attraversando un lunghissimo periodo di astinenza dal gol che pare non avere fine e che cominciava a diventare deleterio per l'intera squadra.

Andava quindi trovata una soluzione, anche drastica e provvisoria, per riuscire a rivitalizzare un reparto offensivo che versava in stato semi-comatoso. Utilizzando questa chiave di lettura è facile spiegarsi l’esclusione di entrambe le seconde punte (a favore di Joao Pedro) nella gara casalinga contro il Bologna.

Considerato che l’esperimento ha prodotto un risultato più che positivo è verosimile che il Cagliari continuerà con la stessa ricetta almeno fino a gennaio, quando si riaprirà il calciomercato. Allora i rossoblu potrebbero provare - ma attualmente tutto tace - a cedere uno tra Sau e Farias (il secondo ha più estimatori) per puntare un buon giocatore quasi sicuramente proveniente dalla cadetteria.

In ogni caso i due attaccanti sono chiamati ad innalzare il proprio rendimento per diradare le nubi del dubbio che aleggiano su di loro. Oggi i discorsi riguardanti acquisti e cessioni rimangono solamente suggestioni ma nel calcio tutto cambia in fretta e chissà che in qualche mese non possano divenire realtà.