Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Cossu, non era il caso?

La prestazione del folletto rossoblù ha sollevato non pochi dubbi

Condividi su:

L’assenza per squalifica di Cigarini, preannunciava alla vigilia della sfida casalinga con la Fiorentina, un vuoto tecnico difficilmente colmabile. Una carenza evidente, derivante dalla mancata acquisizione durante la sessione di calciomercato da parte della dirigenza isolana, di un regista capace di subentrare qualora l’ex Samp risultasse non utilizzabile.

Diverse soluzioni contingenti, testate nel corso del campionato, non hanno restituito gli effetti sperati e teorizzati in estate.

Una sorte non dissimile è spettata anche ad Andrea Cossu nel match che ha visto il Cagliari affrontare la formazione gigliata. La bandiera rossoblù, dopo un prima parte di stagione caratterizzata da diversi problemi fisici ed un utilizzo assai limitato, è stato chiamato in causa da Lopez dal primo minuto al fine di offrire geometrie ed ordine.

Nonostante determinazione e grinta evidenti, il fantasista cagliaritano, raramente è entrato nel vivo della manovra, dimostrandosi incapace di trovare una collocazione precisa nel rettangolo di gioco. Lopez dal canto suo, ha provato a modificare il raggio d’azione spostando Cossu a ridosso di Pavoletti, salvo poi effettuare durante il riposo tra primo e secondo tempo, un immediato dietrofront sancito dall’ingresso di Farias.

Il momento di un Cossu, a cui il presidente Giulini ha offerto la possibilità di chiudere la carriera con la maglia rossoblù, non è differente da quello del Cagliari nel suo complesso. La realtà infatti, parla di un brusco ritorno sulla terra, che vede la zona retrocessione pericolosamente vicina e delle certezze che faticano ad emergere.

La formazione isolana è chiamata ad un pronto riscatto, intraprendendo una strada capace di regalare maggiori soddisfazioni ai propri tifosi, ma non solo. Dovrà consentire allo stesso Cossu di ritagliarsi uno spazio importante, scrivendo così le ultime importanti pagine di una storia preziosa e meritevole di una degna conclusione.

Condividi su:

Seguici su Facebook