15/04/2018, 08:23 | Di Alexandra Atzori | Categoria: La Voce dei Tifosi

Cagliari, la gioia dei tifosi: "Grinta, carattere e 3 punti d'oro: grande Cigarini!"

I commenti dei supporters rossoblù al termine di cagliari-Udinese

2017
2017

Il Cagliari torna alla vittoria contro un’Udinese in crisi nera: 2-1 il risultato finale, con i gol rossoblù firmati da Pavoletti e Ceppitelli.

Come in ogni post-partita abbiamo chiesto ai tifosi cosa ne pensano della prestazione dei rossoblù.

Vi lascio ai loro commenti. Buona lettura!

Il Cagliari siamo noi!

Pier Luigi: "Finalmente, però perdiamo Cigarini e Barella. Comunque sono tre punti importanti".

Maria: "Di buono ci sono solo i primi venti minuti, poi una noia... L'unica cosa bella sono i tre punti".

Maurizio: "Non è stata una prestazione all'altezza della situazione, i problemi restano, così come la mediocrità, soprattutto nel non giocare per vincere, perché comunque era al Cagliari che servivano di più i tre punti. Oggi era importante vincere per il morale e soprattutto per la classifica. Per martedì, contro l'Inter, spero si faccia una gara che ci possa garantire continuità. Sempre forza Casteddu".

Luigi: "L'importante è aver vinto, quando sei nelle sabbie mobili la prestazione non conta".

Felice: "Sono tre punti importantissimi: questa partita, visto il calendario, era fondamentale e in più abbiamo tirato dentro anche l'Udinese, che con nove sconfitte consecutive non dorme sonni tranquilli. Quando abbiamo allargato il gioco nel primo tempo siamo andati meglio, molto meno quando buttiamo la palla in mezzo. Mancano altre sei finali, contano solo i punti adesso".

Gabriele: "É una vittoria importante ma abbiamo fatto la solita prestazione sporcata dall'evidente mancanza di tecnica dei nostri. Fondamentalmente abbiamo in squadra degli scarponi e l'attitudine a passarla sempre indietro, a sbagliare quasi tutti i passaggi, ad essere troppo lenti e macchinosi... tutte cose che non riusciamo a risolvere. Purtroppo già la settimana prossima potremmo tornare a +2 dalla retrocessione, ma la vittoria di oggi è stata importante".

Salvatore: "Si è vinto e per il momento basta e avanza. Forza Cagliari!".

Carmen: "Ancora non si è salvi, bisognerebbe fare almeno altri 6 punti. Non vedo l'ora che arrivi il 20 maggio, troppa sofferenza. Per l'anno prossimo bisognerà rifare il 60% della squadra, prendendo giocatori validi. La Società non deve vendere subito Barella, bisogna ripartire e puntare su di lui per almeno altri 3 anni.".

ToMi: "Non hanno giocato alla grande, ma almeno hanno dimostrato voglia e hanno tolto fuori gli attributi, due fattori che sono mancati nelle precedenti partite. Poi, il rientro di Cigarini si è visto eccome. Grandi".

Giuseppe: "É stata una partita giocata e vinta meritatamente, con grande voglia, cosa che in altre partite è mancata. Ora avanti così...".

Tore: "Con il rientro di Cigarini il Cagliari è più coraggioso. Bene così, bisogna continuare con la stessa grinta e i risultati arriveranno".

Virginia: "Purtroppo si guarda la partita con il batticuore, anche se si è vinto di gioco siamo scarsi, i cross sbagliati, i passaggi non ne parliamo; anche la difesa è incerta, da pochi anni a questa parte si gioca malissimo. Comunque con questo gioco non si va da nessuna parte, anche se sono sempre con i colori rossoblù".

Fabrizio: "É stata una partita brutta ma l'importante sono i 3 punti. Per la prossima si scontano le squalifiche, tanto a Milano è proibitiva, e poi concentratissimi per il Bologna".

Natalino: "Finalmente una vittoria che ci dà un attimo di sollievo, bisogna crederci fino in fondo e possiamo fare meglio anche in trasferta. Dai Cagliari, puoi farcela, la salvezza è possibile. Ajò, forza Casteddu!".

Walter: "É stato importante il rientro di Cigarini, l'unico che cerca sempre di giocare la palla. Sono tre punti d'oro".

Blog Cagliari Calcio 1920 (Fan Page)

Agostino: "Non è stata una prestazione esaltante ma riconosco l'impegno di tutta la squadra, che ci ha messo la grinta, ed è quello che serve in tutte le partite rimanenti del campionato. Bisogna lottare su ogni palla, così ci salveremo di sicuro. Forza Cagliari sempre".

Enrico: "É stata una vittoria di carattere, la squadra oggi era determinata, però dalla trequarti in poi mancano giocatori di fantasia, oppure dei laterali che riescano a saltare l'uomo".

Pierangelo: "É stata una vittoria sofferta e tutto sommato meritata, però quanti errori in fase d'impostazione e disimpegno. Alcuni giocatori mi sono sembrati molli e con la paura di perdere...Comunque forza Cagliari sempre".

Mario: "È la vittoria del gruppo e di Diego Lopez! Un'altra squadra, dopo il primo gol, senza una identità tattica, sarebbe crollata! A chi contesta consiglio la Playstation, il calcio giocato è un'altra cosa, non comprensibile a tutti evidentemente... Sempre forza Casteddu!".

Giovanni: "É inutile negarlo, siamo una squadra con pochissimi valori tecnici: centrocampo fiacco, difesa ballerina e attacco leggero. Oggi abbiamo incontrato una squadra al nostro livello e le motivazioni hanno fatto la differenza".

Roberto: “La vittoria è arrivata con i soliti gol su calci piazzati, ma senza gioco. Speriamo di salvarci in fretta e che venga affidata la squadra a un allenatore di medio-alto livello".

Angelo: "Finalmente, dove non si arriva col gioco si vince con il carattere e la grinta. Certo che, se l'esempio deve essere un trettottenne di nome Cossu (con tutto il rispetto), vi lascio ragionare su che squadra è stata allestita quest'anno. Comunque salviamoci e ricostruiamo la squadra dalle certezze e da una guida tecnica propositiva (magari un De Zerbi)".

Samuel: "É una vittoria che ci teniamo stretti ma è fortuita, troppo fortuita... Possibile che non arrivi un tiro in porta frutto di un'azione di squadra?".

Domenico: "In questa fase del campionato, e con questa situazione, il bel gioco non conta. Sono arrivati tre punti fondamentali, grandi ragazzi!".

Pierpaolo: "Barella e Cigarini è meglio che saltino l'Inter, partita in cui si rischierebbe comunque di perdere, che il Bologna. Dove sono quelli che dicevano che Cigarini era un bidone?".

Le voci dallo stadio

Mauro F.: “Erano fondamentali questi tre punti, per il morale ma soprattutto per la classifica, che comunque bisogna tenere sotto controllo perché non siamo per niente al sicuro”.

Valentino: “Oggi ho visto un pizzico di gioco in più, ma proprio un pizzichino, e questo è avvenuto ogni volta che la palla passava tra i piedi di Cigarini. Però, mi chiedo, è possibile che una squadra debba dipendere così tanto da un singolo giocatore?”.

Carlo: “Era troppo importante vincere e, per fortuna, ce l’abbiamo fatta. Ma la fortuna non può sempre assisterci come oggi, bisogna trovare altri modi per vincere. Tipo giocare”.

Luca: “L’unica cosa di cui sono contento, a parte ovviamente i tre punti, è che Cigarini e Barella si sono beccati l’ammonizione oggi, così domenica prossima contro il Bologna li abbiamo a disposizione”.

Giancarlo: “Sono felice per i tre punti, i ragazzi hanno dato una grande prova di unità e determinazione. Volevano vincere e si vedeva. E sono stati bravi a non disunirsi dopo il gol preso a freddo”.

Alessio: “Abbiamo vinto solo perché davanti avevamo un’Udinese che è messa molto peggio di noi. È vero che di solito noi resuscitiamo tutti però credo che la squadra di Oddo, di testa, sia proprio andata a farsi benedire. Meglio per noi”.

Stefania: “Oggi ne salvo solo quattro o cinque. Mi dispiace, so che oggi bisognerebbe gioire e basta, ma dal mio punto di vista oggi avrebbero dovuto dare tutti il 150% e così non è stato. Salvo solo Ceppitelli, Cigarini, Sau e Pavoletti. E ci metto anche Cossu, ma solo perché ha servito Ceppitelli”.

Federico: “Era importante vincere e abbiamo vinto. Questa è l’unica cosa che conta”.

Mauro G.: “Sono stati bravissimi i ragazzi a non buttarsi giù dopo il gol dell’Udinese ma, ragazzi, vogliamo parlare di Pavoletti? Secondo me è stratosferico. Se fosse stato servito a dovere durante la stagione avrebbe fatto molti, ma molti, gol in più. Ne sono convintissimo”.

Roberto: “Il ritiro è stato utile per cementare il gruppo e lavorare tutti insieme in vista dell’obiettivo comune. Visto che ha funzionato, fossi Giulini, lo prolungherei fino a domenica prossima, tanto a Milano perderemo e contro il Bologna sarà di nuovo una sfida decisiva”.

Alexandra Atzori

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK