14/05/2018, 08:38 | Di Luca Neri | Categoria: L'Editoriale

DURI, DECISI ED INCAZZATI

L'analisi del match contro la Fiorentina

foto: http://firenzeindiretta.it
foto: http://firenzeindiretta.it

Alcune notti son lunghe. La mattina non arriva, la stanza resta nera, si brancola nel buio e la luce non sembra poter comparire mai. È in questi momenti che ci si accorge che più che aspettare il giorno bisogna andargli incontro, inseguirlo, rincorrerlo, aprire gli occhi. Nessuna notte è tanto lunga da impedire al sole di risorgere.

Ed eccola qui, l'alba e i suoi colori, rossoblù, ovviamente. Oggi il cielo, seppur non ancora chiaro, è meno grigio. Il Cagliari compie un'autentica impresa ed espugna il Franchi, uno dei campi storicamente più ostici per i sardi.

Le avvisaglie c'erano, onor del vero: giocando come il Cagliari aveva fatto con la Roma, qualcosina si poteva ancora tirare fuori. Gli isolani non hanno cambiato atteggiamento, entrando in campo duri, decisi ed incazzati. Il gol è un cioccolato di Lykogiannis sulla testa di Pavoletti, attaccante spesso criticato tra le righe di questo editoriale ma che lì, dove osano le aquile, non ha rivali. Quando il gioco si fa duro, alza la palla e trovi la sua zuccata.

E stavolta è una zuccata pesantissima, perchè i risultati della concorrenza premiano i rossoblù che, finisse oggi il campionato, sarebbero salvi. Premiata dunque la strenua resistenza contro una Fiorentina che tutto si aspettava meno che undici leoni in tenuta sportiva. Farias fa e disfa, inventa e sciupa, Padoin è tarantolato, Barella fa il gigante e Faragò strapazza Biraghi. Poi là dietro ci pensa Ceppitelli, un muro di cinta ad annullare Cholito e compagni e a compiere un grosso passo verso la permanenza in A.

Così non pareva a venti minuti dalla fine, quando la Spal stava battendo il Toro in trasferta e il Crotone stava piegando la Lazio, rendendo vani gli sforzi del Cagliari. Poi la palla gira, Milinkovic risveglia i biancocelesti, Belotti alza la cresta e ribalta la classifica: ora tra i sardi e il baratro ci sono due squadre, entrambe un punto sotto, entrambe con scontri diretti che soffiano nella direzione della Sardegna. Aggiungiamo che il Crotone andrà a Napoli, sottolineiamo che gli azzurri non regaleranno una briciola ai calabresi, e la Spal affronterà una non scontata Sampdoria. Dalle parti della Sella del Diavolo arriverà invece l'Atalanta già qualificata in Europa, contro cui sarà importante cercare i tre punti, preparando il collegamento con la radiolina qualora le cose andassero storte.

Guai a dare tutto per fatto, questa Serie A fa scherzi di pessimo gusto.

Luca Neri

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK