14/11/2017, 10:15 | Di La Redazione | Categoria: Interviste

Beretta: "Il 96% settore giovanile è sardo, io sardo adottivo"

"Siamo un gruppo dirigenziale molto esigente"

Puntare le proprie fiches sul settore giovanile per costruire il Cagliari che verrà. Un progetto importante che la dirigenza isolana - in primis il patron rossoblu Tommaso Giulini - ha voluto fortemente. Per questo progetto, il sodalizio di Via Mameli ha affidato la guida a una personalità esperta del mondo del pallone e la scelta è ricaduta su Mario Beretta. Il responsabile della cantera rossoblu ha parlato di questo processo evolutivo ai microfoni del Corriere Dello Sport. Ecco le sue parole:

"Noi siamo un gruppo dirigenziale molto esigente, tuttavia posso ritenermi contento e soddisfatto del lavoro svolto fin qui. Abbiamo iniziato questa avventura due anni e mezzo fa, ma avremo bisogno ancora di tempo. Il fatto poi che la società ci sostiene è molto positivo. La struttura del nostro progetto? Indubbiamente il lavoro sul campo, ma puntiamo anche a far crescere i nostri ragazzi sotto il profilo comportamentale e morale.

Per i più piccoli, siamo particolarmente attenti a parlare con i genitori e al loro rendimento scolastico. Giulini? Se solo noi ci credessimo e lui non fosse dalla nostra parte, allora non ci sarebbe molto su cui lavorare. Il presidente segue quotidianamente il nostro operato e ci ha sempre messo nelle migliori condizioni per lavorare. Il vivaio sardo? Si, il 96 % dei nostri ragazzi è sardo e da subito sentono l'importanza di questa maglia. Anche io sono diventato sardo. Il prossimo obiettivo? Migliorarci, pur sapendo che è difficile".

La Redazione

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK