29/01/2019, 06:00 | Di Marco Castoni | Categoria: Approfondimenti

Lykogiannis, è il caso?

Tre argomenti su cui riflettere intorno all'esterno greco

2018
2018

La trasferta di Sassuolo ha registrato, non senza stupore, la quarta presenza in campionato per Charalampos Lykogiannis. Il greco non calcava il rettangolo verde in gare ufficiali dal 26 di novembre in occasione del pareggio casalingo con il Torino. Nel mezzo il secondo infortunio muscolare in stagione, utile a ritardare un inserimento mai completato e ad alimentare più di un interrogativo circa la figura dell’esterno mancino che, quando impiegato da Maran, ha sempre trovato spazio nell’undici titolare.

I 45 minuti disputati in Emilia, purtroppo per Lykogiannis e lo stesso Cagliari non hanno contributo a far chiarezza e infondere fiducia, anzi hanno inevitabilmente rinvigorito i soliti dubbi, a quali vanno a sommarsi inevitabilmente dei nuovi.

Lasciando volutamente da parte ogni più che lecito discorso sulle caratteristiche intrinseche del giocatore che vanno a identificare Lykogiannis come un tornante e non un terzino, risulta poco comprensibile la scelta effettuata dal tecnico di puntare sull’ellenico dopo due mesi di inattività. Non solo, è altrettanto di difficile comprensione lo schieramento dal primo minuto all’interno di una squadra in evidente involuzione e con poche certezze al proprio interno. Di certo non il miglior viatico per un pronto recupero.

Argomenti contingenti che vanno a sfociare, nell’ultimo scorcio del mercato di riparazione, in una domanda inevitabile, che pone l'ennesimo interrogativo circa la possibilità di continuare a puntare esclusivamente su Lykogiannis e l’adattato Padoin sulla corsia mancina. L’imminente rinuncia a Pajac lascia i due, in attesa della chiusura dei battenti del mercato, come le uniche risorse impiegabili, che tuttavia non appaiono in grado di restituire certezze durature.

La dirigenza rossoblù è così chiamata a fornire in extremis, valide risposte in relazione alla rosa in generale, ma soprattutto in merito ad un ruolo che dall’addio del poco apprezzato Murru, non ha avuto un continuo padrone.

Marco Castoni

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK