06/12/2018, 09:41 | Di Antonello Cossu | Categoria: Approfondimenti

Ora è tutto chiaro

Marko Pajac sembra essere più adatto ad attaccare che a difendere e questo ha spinto Maran a premunirsi

2018
2018

Chievo-Cagliari è terminata con la vittoria dei rossoblù per 1-2 grazie alle reti di Cerri e Pisacane. La partita però è stata utile agli addetti ai lavori soprattutto per testare contro avversari di buon livello la tenuta delle cosiddette “seconde linee, ovvero i calciatori meno utilizzati in campionato.

Sulla sinistra ad esempio si è registrato l'esordio stagionale di Marko Pajac, il quale ha fornito tutto sommato una prestazione convincente se si considera la fase offensiva (dove è molto più efficace) e quella difensiva (dove mostra qualche importante lacuna, come in occasione del gol subito).

È chiaro come il croato abbia patito, difensivamente parlando, la differenza di livello fra la cadetteria e la massima serie e questo abbia spinto Maran a premunirsi rinunciando spesso, anzi sempre fino a ieri, al suo piede sinistro più che educato in virtù di maggiore copertura.

Una soluzione per schierarlo più di frequente potrebbe essere quella di inserirlo in un solido 3-5-2, con Pajac esterno sinistro a tutta fascia: in questo modo lo si libererebbe da una parte dei compiti difensivi per utilizzarlo prettamente in fase di impostazione e di rifinitura.

Scoprire come sfruttarlo al meglio sarà compito di Maran, che intanto si gode la bella risposta che gli ha dato il gruppo in termini di affidabilità e il passaggio del turno agli ottavi di Coppa Italia.

Antonello Cossu

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK