18/05/2018, 08:52 | Di Marco Zucca | Categoria: Approfondimenti

Cagliari, solo uno è il modulo che regala sorrisi

Il 4-3-1-2 ha dimostrato a Firenze di essere lo schema giusto per la via che conduce alla salvezza

4-3-1-2: il Cagliari ha dimostrato in quel di Firenze che è questo il modulo di gioco con il quale riesce a rendere al massimo.

I rossoblù, una volta abbandonato (definitivamente?) il 3-5-2, col quale avevano conquistato - con Lopez in panchina - appena 7 vittorie su 27 gare, sono parsi, come in occasione della partita casalinga contro la Roma, ordinati e legati tra i reparti e, soprattutto, propositivi.

Uno schema, dunque, che ha cominciato a portare i suoi frutti: Padoin, nel ruolo di mezzala, è sembrato essere a suo agio, essendo di gran lunga il migliore il campo; Lykogiannis e Faragò hanno saputo bilanciare la fase di spinta e quella di contenimento; i due centrali difensivi Ceppitelli e Pisacane hanno guidato il reparto con perizia, senza mai rischiare e francobollando gli attaccanti della Fiorentina; e in avanti, nonostante i troppi errori di Farias, si sono visti finalmente movimento e imprevedibilità, con il gol del solito Pavoletti.

Il tecnico Lopez, anche se tardi, ha compreso l’importanza di quel sistema che più volte applicò da giocatore prima e allenatore poi, portando i sardi alla permanenza in massima serie. E siamo certi che lo proporrà anche domenica prossima, nel cruciale match contro l’Atalanta, nel quale sarà fondamentale scardinare la compatta retroguardia ospite per conquistare la vittoria della tanto agognata salvezza.

Marco Zucca

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK