17/03/2018, 08:00 | Di Pietro Piga | Categoria: Approfondimenti

Cagliari, il passo da retrocessione rischia di condannarti

Nel girone di ritorno, i rossoblù sono terzultimi per rendimento, come il Benevento

2017
2017

Una tacchettata che frena la scalata, annebbia la mente, rende il respiro affannoso e la sudorazione eccessiva. Perché i metri guadagnati sugli altri si accorciano, man mano che la sommità della montagna è vicina. E un’andatura lenta, sebbene mantenuta in un tratto ostico, non è completamente positiva. Quindi, il Cagliari, a undici arrampicate dalla conclusione del campionato, non può permettersi di diminuire, ancor di più, il passo.

La frenata – Quando Padoin, il 30 dicembre a Bergamo, nell’ultima giornata d’andata, impacchettò la vittoria, il collettivo guidato da López sembrò essersi dato lo slancio definitivo per separarsi dal gruppo per la permanenza in serie A, con 5 punti in più sul diciottesimo posto e la coscienza di poter superare grandi intoppi. Ma dal 6 gennaio, l’inizio del girone di ritorno, ha conquistato un successo, pareggiato per tre volte e perso per quattro, raccogliendo 6 punti sui 24 in palio e sistemandosi sul quattordicesimo gradino, a -2 dalla «quota-retrocessione».

Gli effetti – Nella seconda parte, il calo del profitto dei rossoblù (il terzo peggiore), accompagnato dalle sette reti realizzate e le tredici incassate, collima col rendimento dell’Udinese e del Benevento, il chiudi-classifica che ha vinto un incontro in più. Mentre gli «alpinisti» concorrenti, che nell’ultima settimana del 2017 erano distanziati tra le 5 e le 8 lunghezze, hanno accelerato: il Genoa ha guadagnato 12 punti, superando il Cagliari di 4, mentre il Crotone, il Bologna (ha una partita in più), il Verona e la Spal (nella stessa situazione dei Felsinei) ne hanno raccolti 9.

Il calendario – In ventuno giorni, dal domani all’8 aprile, la formazione di López sarà attesa da tre faccia a faccia contro le pretendenti alla salvezza. Infatti, tra ventiquattro ore, verrà accolta dal Benevento (20°, 10 punti) e, dopo la sfida contro il Torino del 31, affronterà, lontano dalla Sardegna Arena, il Genoa (13°, 30) e il Verona (19°, 22). Dunque, il Cagliari avrà l’opportunità per proseguire la scalata a passo sostenuto e allontanarsi dai piedi della montagna, scongiurando un crollo fatale.

Pietro Piga

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK