16/03/2018, 07:00 | Di Marco Castoni | Categoria: Approfondimenti

Ionita, timidi segnali

Il centrocampista moldavo può essere l’uomo in più di questo complicato finale di stagione

2016
2016

L’attualità rossoblù vede l’addensarsi pericoloso di nubi inattese, che invocano dalla formazione guidata da Diego Lopez risposte convincenti e immediate.

Il match disputato al cospetto della Lazio, ha lasciato in dote diverse risposte di cui l’allenatore uruguagio dovrà necessariamente tener conto al fine di trovare l’assetto in grado di offrire opportune garanzie.

Ionita in particolare, nonostante una prestazione positiva e poco più, rispetto a quanto elargito nel rettangolo di gioco durante le partite sinora disputate, ha evidenziato timidi segnali di crescita.

Il pressing costante sui portatori avversari sorretto da un buon dinamismo, ha fatto il paio con pochi ma interessanti spunti in fase d’impostazione. Dettagli marginali nel computo di un gara conclusasi anzitempo per il centrocampista moldavo, che dopo un’attenta analisi tuttavia, possono risultare preziosi e utili a sorreggere un recupero auspicato e invocato da mesi.

Ionita infatti, nonostante qualità evidenti, annovera la propria presenza nella categoria dei giocatori che meno hanno espresso il loro potenziale dall’inizio della stagione.

Poter contare su un interprete ritrovato e fiducioso nei propri indiscutibili mezzi, può donare nuova luce all’annata dell’ex centrocampista del Verona, ma soprattutto fornire un apporto fondamentale in questo rush finale, al quale il Cagliari dovrà presentarsi nella migliore condizione possibile.

 

Marco Castoni

Leggi anche

Articoli consigliati:

Ti potrebbe interessare anche

Articoli correlati:

"Si impenna in rovesciata Riva ed è rete!"

Verticali

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
portaleletterario
cronacastorica
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK